martedì 27 ottobre 2009

Viola di mare

All'uscita del cinema ero perplessa. Poi ci ho riflettuto. E ho capito.
Ci sono due cose valide nel film di Donatella Maiorca: la fotografia e la recitazione delle due protagoniste, nonché di Ennio Fantastichini. Il resto francamente traballa, non convince: la psicologia dei personaggi è veramente piuttosto abbozzata, la messinscena non è omogenea... perfino la passione tra le due donne non riesce a fare presa, è come se certe immagini fossero poco naturali, troppo impostate.
Il film, come dice giustamente Davide Turrini "senza il chiacchierare pre e post proiezione sul tema "lesbico" che si avviluppa sui corpi delle protagoniste Valeria Solarino e Isabella Ragonese, avrebbe ben poco da mostrare".  Per concludere, il solo fatto di avare un tema forte - una vicenda di amore impossibile nella Sicilia di fine ottocento - non basta a sostenere un film deboluccio.

6 commenti:

  1. Ops... questi refusi! Correggo subito.

    RispondiElimina
  2. Scusami ma quando sento parlare cosi' mi viene da ridere ... "ho capait' domani ci vediamo ad arco felaic e ci magnamo 'nu' panaino".
    E' la parlata puteolana...

    RispondiElimina
  3. A me invece ha fatto nel complesso una discreta impressione. Gestire un tema del genere in modo da far sembrare il tutto non confezionato a misura, non artefatto, realistico e al tempo stesso appassionato non è un compito facile. Gli darei quindi qualche attenuante per i problemi che tu hai notato.
    Assolutamente non da vedere a tutti costi, ma ben confezionato. Comunque confermo l'ottima fotografia, certamente la parte migliore.

    RispondiElimina
  4. Sono sostanzialmente d'accordo con te.
    Anche se la parte dell'innamoramento-corteggiamento tra le due mi sembra la parte migliore del film. Quasi poetica.
    Dopo effettivamente il film non regge più.

    RispondiElimina
  5. Grazie per la citazione.
    un saluto
    Davide Turrini (Liberazione) davideturrini@gmail.com

    RispondiElimina